Vivere per la proposta di legge Eutanasia Legale

Libertà sessuale, libera sessualità- 1976 - Adele Faccio

I colori di Emma BONINO. Una DONNA Istituzionale e oltre....

Alba Montori su Facebook

martedì 10 dicembre 2013

Roma: un utilizzo indecente di Anna Frank in un cartellone con la maglietta della Roma

Da Informazione Corretta 
 Testata: La Stampa
Data: 06 dicembre 2013
Pagina: 21
Autore: Redazione della Stampa
Titolo: «Sfregio antisemita: Anna Frank con la maglietta della Roma»


Riportiamo dalla STAMPA di oggi, 06/12/2013, a pag. 21, la breve dal titolo "Sfregio antisemita: Anna Frank con la maglietta della Roma".
Più che uno sfregio antisemita, quello riprodotto sotto è un utilizzo indecente e di pessimo gusto di Anna Frank. L'ennesimo episodio che denota quanto la Shoah venga banalizzata e sfruttata anche a fini commerciali. Ai quali si aggiungono i negazionisti. Il tutto con l' obiettivo estremo - ma chiarissimo - l'accusa a Israele e agli ebrei di 'sfruttare' la Shoah.  
in alto a destra, l'adesivo con Anna Frank e la maglietta della Roma
Sui muri, sui semafori e sui cartelli stradali. Il nuovo episodio antisemita nella Capitale è fra quelli più ignobili perchè colpiscono al cuore il ricordo della ragazzina ebrea che morì in un campo di sterminio nazista: in alcune zone di Roma, da qualche giorni sono comparsi adesivi che ritraggono Anna Frank con la maglia della squadra di calcio giallorossa. Lo sdegno si è trasformato nell’immediata rimozione e, sullo sfondo, rimane l’assurdo legame fra sport e razzismo che, a Roma, trova terreno fertile come dimostrano le numerose manifestazioni del passato, anche più recente. «Turisti e passanti sono rimasti impietriti davanti a questo tipo di immagini», raccontano i commercianti di Rione Monti, quartiere storico della città. Per inviare la propria opinione alla Stampa, cliccare sull'e-mail sottostante

direttore@lastampa.it

*
Oltre che un utilizzo improprio dell'immagine di Anna Frank, lo considero una forma di reificazione e violenza postuma nei confronti di una donna che non si può neanche difendere.
AMg

Nessun commento: