Vivere per la proposta di legge Eutanasia Legale

Libertà sessuale, libera sessualità- 1976 - Adele Faccio

Piano improvisation di Salvatore Maresca Serra

Alba Montori su Facebook

venerdì 11 settembre 2020

Dedichiamo un pensiero affettuoso e un ricordo all'infelice Beatrice.

Oggi 11 settembre 2020 ricorrono 421 anni dalla morte di Beatrice Cenci per mano del boia sulla pubblica piazza di Roma.

Fanciulla nobile, bella e colta, era nata libera e ricchissima ereditiera, ed era molto amata dal popolo romano che conosceva la sua storia. 

L'immensa ricchezza, la ricchezza di famiglia accumulata dal nonno Cristoforo, spesa e utilizzata dal padre per i suoi affari e tenere a bada la corte pontificia e il papa che volevano impossessarsene, non portò loro alcuna fortuna: il padre Francesco screditato moralmente fu ucciso in circostanze opinabili lontano da Roma, probabilmente da sicari di Clemente VIII col preciso scopo di liberarsi di una famiglia potente e scomoda e incamerare i loro beni.

  Beatrice, i suoi fratelli Giacomo, Bernardo e Paolo, assieme alla matrigna Lucrezia Petroni furono accusati del delitto di parricidio e riconosciuti colpevoli con un processo farsa, in cui il papa rimase sordo ad ogni richiesta di grazia, come lo era stato prima del fattaccio a ogni richiesta di aiuto di Beatrice.

I fratelli e la matrigna, assieme a Beatrice rimasero a lungo imprigionati tra Castel Sant'Angelo e Tor di Nona, torturati tutti orribilmente per un delitto che altri avevano commesso,  e infine Beatrice e Lucrezia furono giustiziate assieme mediante decapitazione e i suoi fratelli squartati....

Ella per ultima, per dare l'esempio, fu costretta a pagare la sua bellezza, la sua fierezza e la sua ricchezza per ordine del papa con la sua orribile morte, quando la sentenza capitale fu eseguita, senza possibile appello, l'11 settembre 1599 a Roma.
Lo scopo del potente pontefice, non dichiarato ma noto a tutti i cittadini romani, quello di impossessarsi dell'ingentissima fortuna in proprietà immobili e mobili della famiglia Cenci, che venne infatti distribuita dallo stesso tra il nipote Aldobrandini e i suoi sostenitori e clienti, utilizzando addirittura un testamento apocrifo di Beatrice.

Tuttavia questa giovane sfortunata non ebbe pace neanche da morta: le sue spoglie custodite nella cripta del tempietto di San Pietro in Montorio per sua espressa volontà, sono state  violate  da un ignoto soldato francese al soldo del Papa Pio IX, durante la terribile battaglia in cui cadde la Repubblica Romana del 1949. La testa, che era collocata accanto alla bara col corpo, fu rubata e mai più ritrovata....



Di lei ci è giunto forse solo questo ritratto, attribuito a Guido Reni, conservato nella Galleria di Palazzo Barberini


Ma le sue delicate fattezze sono reperibili anche in altri dipinti dell'epoca ..

Santa Caterina d'Alessandria
 dipinto a olio su tela (173x133 cm) realizzato nel 1598-1599 dal  Caravaggio

Maria Maddalena 
Guido Reni 1630 circa
e in questa stupenda tela del Caravaggio del 1597


Si dice anzi che Caravaggio abbia dipinto il quadro qui sopra pensando alla storia di Beatrice Cenci  Anche per questa ragione la tela è stata ritenuta dipinta nel 1599 circa (anno in cui Beatrice fu giustiziata) ed è possibile legarne la commissione a una ricevuta di pagamento, da parte di Ottavio Costa a Caravaggio per un quadro già iniziato, datata 21 maggio 1602.

AMg

[! importante] Ecco un caro saluto da parte mia. Tutto bene?

https://bit.ly/35sqd3B



Spero di ricevere tue notizie,alba montori






=====================NEWS=====================

Ugandan gorillas in Bwindi park have 'baby boom'
Five baby gorillas are born in six weeks in Uganda's Bwindi Impenetrable National Park.

Nambia declines Germany's reparation offer for colonial-era mass killings
Namibia President Hage Geingob says his government has turned down Germany's offer of compensation for colonial-era killings, calling it "not acceptable."



==============================================

venerdì 28 agosto 2020

150 anni fa, il primo attivista queer ha inventato l'identità sessuale per organizzare una protesta pubblica. Ma un medico etero gli ha rubato l'idea ed è diventato famoso...

Il 29 agosto 1867, centocinquanta anni fa, un avvocato di nome Karl Heinrich Ulrichs salì sul palco della Sala Grande del Teatro Odeon di Monaco per protestare contro le leggi anti-sodomia. 

Ulrichs ha cercato di codificare l'esperienza queer come identità collettiva e di sostenere l'emancipazione come gruppo oppresso. In tal modo, ha affermato che i queer erano una "classe sessuale speciale di persone". Gli uomini queer, o Urningi, costituivano un sesso a sé stante: la loro psiche era opposta al sesso designato e, quindi, responsabile delle loro predilezioni sessuali.

Il significato del genere e dell'identità sessuale nella comunità queer oggi è illustrato dalla continua espansione dei nostri acronimi (ad esempio, LGBTQIA +). Questa "zuppa di alfabeto" è spesso lamentata sia da attivisti più anziani (maschi bianchi) che desiderano i giorni della liberazione gay, sia da persone più giovani che si ribellano del tutto contro i confini dell'etichettatura. Tuttavia faremmo bene a ricordare il ruolo di queste identità nella nostra storia. Alle persone queer è stato richiesto da tempo di dare un nome ai nostri desideri - di nominarci - per essere ascoltati, per "contare" e quindi essere protetti dalla legge. Nuovi identificatori come pansessuale o genderqueer sono solo la continuazione di un lungo e arduo processo di costruzione dell'identità iniziato con l'Urningo di Ulrichs. La  lamentela che “una volta le cose erano semplici” è decisamente falso. Le "cose", intendendo la politica della denominazione nella comunità queer, non sono mai state semplici.

In un appello alla sensibilità non-queer, Ulrichs ha cercato di affermare una nozione tradizionale di un unico desiderio sessuale del sesso opposto. Gli individui bizzarri, di "terzo sesso", incarnavano semplicemente l'orientamento del sesso "sbagliato". Questa idea potrebbe ormai essere considerata una fusione di ciò che ora distingueremmo come sesso, genere e sessualità: transgenderismo contro omosessualità. Tuttavia, rappresentando un'attrazione per gli uomini e la mascolinità come un attributo intrinsecamente femminile, Ulrichs ha presentato l'orientamento sessuale dello stesso sesso all'interno di uno schema di sessualità riconoscibile - uno che potrebbe essere percepito come parte di una dinamica maschile-femminile "naturale". Ulrichs è stato, infatti, il primo attivista queer ad utilizzare la retorica del "nato così".

Ulrichs ha continuato a costruire un complesso sottosistema di identità di genere sotto l'ombrello del terzo sesso dell' Urningo. All'interno di questa classificazione, la connotazione di genere di un uomo queer era abbinata all'oggetto della sua attrazione. Ad esempio, un Mannling era un Urning maschile che era attratto dagli uomini femminili e avrebbe svolto un ruolo attivo negli incontri sessuali. A sua volta, un Weibling era un Urning femminile che era attratto dagli uomini maschili e assumeva il ruolo passivo. Si possono notare somiglianze nel modo in cui gli uomini gay si etichettano oggi - top e bottom, butches e femmes, ecc. La terminologia di Ulrichs includeva anche bisessuali maschi (Uranodionings) e "uomini che fanno sesso con uomini" (Uraniasters), tra gli altri.

Meno di un anno dopo la protesta di Ulrichs, lo scrittore itinerante di origine austriaca Karl Maria Kertbeny gli scrisse per condividere la sua terminologia sessuale: omosessuale ed eterosessuale. Lo scambio di Kertbeny e Ulrichs conteneva il primo uso registrato della parola omosessuale. 
Ulrichs e Kertbeny avevano molto in comune, ma erano in disaccordo sulle strategie per l'emancipazione queer. 
Mentre Ulrichs cercava la convalida attraverso strutture scientifiche, a Kertbeny non importava se l'omosessualità (o qualsiasi orientamento sessuale per quella materia) fosse innato. Kertbeny considerava l'attivismo queer come una semplice questione di estensione dei diritti alla privacy. Nella stessa lettera che conteneva per prima la parola "omosessuale", Kertbeny scrisse a Ulrichs:
Dovremmo convincere i nostri avversari che esattamente secondo le loro nozioni legali non hanno nulla a che fare con questa inclinazione, sia innata o volontaria, perché lo Stato non ha il diritto di intervenire su quanto sta accadendo tra due persone consenzienti di età oltre i 14 anni, pubblicità esclusa, [e] non ledere i diritti di terzi. . . " *
Il disinteresse di Kertbeny per il determinismo biologico si è rivelato la grande ironia che ha definito il lavoro della sua vita. L'omosessuale di Kertbeny sarebbe poi diventato il poster semiotico dei professionisti medici anti-queer e degli scienziati sessuali pro-queer allo stesso modo.

Kertbeny vedeva la normalità sessuale come qualcosa di determinato dalla maggioranza. In quanto tale, l'eterosessualità era "normale" solo fintanto che si manifestava in un numero maggiore di persone. Ironia della sorte, tuttavia, Kertbeny ha affinato la "capacità illimitata di degenerazione" della maggioranza eterosessuale. La promiscuità eterosessuale e la libido - che credeva fosse molto maggiore di quella degli omosessuali - erano ciò che li rendeva più propensi a impegnarsi in pedofilia, necrofilia e sadomasochismo. Kertbeny ha contestato la disposizione eterosessuale sulla base della correttezza sessuale - ciò che potrebbe essere considerato rispettabile e, in effetti, normativo. Sottolineando che gli stessi eterosessuali erano corrotti e depravati, sostenne la liberazione queer sovvertendo la definizione stessa di queerness. Tuttavia, l'homo / hetero personae di Kertbeny sarebbe stato invertito nel tempo.

Il termine omosessuale ottenne gradualmente una diffusione più ampia. Lo psichiatra austro-tedesco Richard von Krafft-Ebing iniziò a usare il termine nella quarta edizione della sua opera fondamentale Psychopathia Sexualis nel 1889. Ulrichs fu responsabile dell'incursione di Krafft-Ebing nella scienza sessuale; aveva introdotto Krafft-Ebing alla teoria del terzo sesso. Vent'anni prima, Ulrichs aveva inviato i suoi primi opuscoli allo psichiatra durante il tirocinio presso l'Università di Vienna. 
Krafft-Ebing scrisse a Ulrichs:

“La ricerca nei tuoi scritti sull'amore tra gli uomini mi ha interessato molto. . . . Da quel giorno in cui mi avete inviato i vostri scritti, ho prestato tutta la mia attenzione al fenomeno. . . . È stata solo la conoscenza dei tuoi scritti, che ha dato origine alla mia ricerca in questo campo così importante. " *

Krafft-Ebing iniziò a ricevere le lettere di uomini queer che avevano sentito parlare dei suoi studi. La sua cassetta delle lettere divenne un improbabile confessionale. Uomini queer di tutti i livelli della società cercavano conforto nella convinzione che la scienza avrebbe inaugurato una nuova era di legittimazione e accettazione sociale. Un uomo ha scritto: "Il puzzle della nostra esistenza può essere risolto o almeno illuminato da uomini di scienza senza pregiudizi e pensanti". Questa convinzione si è rivelata cupamente ironica.

Ulrichs e Krafft-Ebing si separarono nel 1879 per l'insistenza di quest'ultimo sul fatto che la stranezza fosse una malattia psicologica. Dato che la procreazione era, nella sua mente, l'unico scopo del desiderio sessuale, la queerness era una perversione del desiderio sessuale. Krafft-Ebing riteneva, tuttavia, che le leggi anti-sodomia facessero più male che bene. Simpatico per gli uomini queer che gli hanno scritto, ha visto che la legislazione li costringeva a situazioni impossibili di segretezza e suscettibilità al ricatto e, quindi, ha impedito loro di ottenere l '"aiuto" di cui credeva così disperatamente bisogno. Tali individui non dovrebbero essere ritenuti penalmente responsabili delle loro "malattie".

Krafft-Ebing ha considerato il lavoro di Ulrichs e le storie degli uomini che gli hanno scritto come studi di casi di "istinto sessuale patologico" in Psychopathia Sexualis (1886). In questo lavoro, Krafft-Ebing aveva cooptato le idee di Ulrichs, descrivendo uomini con pulsioni sessuali "invertite" - una fregatura della teoria del terzo sesso di Ulrichs. Gli uomini bizzarri erano considerati forme maschili "pervertite" (omosessuali), invece che entità a se stesse (Urningi). Nonostante l'offesa, Psychopathia ha fornito un improbabile barlume di speranza. Derivando dagli scritti e dalle idee di Ulrichs, la popolarità del lavoro di Krafft-Ebing ha dato agli uomini queer le parole e il forum per dichiararsi parte di una comunità più ampia. Nel bene e nel male, non erano più soli. Poco prima della sua morte nel 1902, Krafft-Ebing ammise finalmente che alcuni queer non erano malati. Nel frattempo, nel 1895 Ulrichs era andato alla sua tomba denunciando la contaminazione psicosessuale della stranezza; non ha mai avuto la soddisfazione di ascoltare la concessione di Krafft-Ebing.

Le idee di Ulrichs hanno raggiunto un pubblico non tedesco attraverso il lavoro di Krafft-Ebing.
 Psychopathia è stato tradotto in inglese dall'inglese F. J. Rebman nel 1899. Egli inserì le proprie interpretazioni del testo in un modo che avrebbe avuto un grande impatto sul suo pubblico di lingua inglese. Ad esempio, Krafft-Ebing ha discusso il desiderio dell'uomo "primitivo" di un "individuo del sesso opposto, che soddisfi una sorta di selezione sessuale". Rebman ha ribattezzato questa spinta una "selezione istintiva del più adatto", evocando un senso darwiniano della sessualità che giocava sulle idee contemporanee di razzismo scientifico. Il nuovo fraseggio implicava una mancanza di appetito sessuale "sano" nei queer e, a sua volta, una degenerazione e inferiorità queer recentemente razzializzata. 
Date le ansie nazionaliste vittoriane, si temeva che l'effeminatezza e la debolezza del desiderio sessuale mettessero in pericolo la domesticità a livello nazionale e il dominio all'estero. Allo stesso tempo, i processi di Oscar Wilde hanno reso la speculazione sulla decadenza omosessuale uno spettacolo pubblico.
All'interno di questo ambiente, l'appropriazione da parte di Krafft-Ebing del binario omo / etero - e il suo trasferimento letterario al mondo inglese da parte di Rebman - stabilirono una tradizione intellettuale di patologia omosessuale e primato eterosessuale. L'egemonia sessuale si è impantanata nella politica dell'identità imperiale di genere. L'omosessuale di Kertbeny era gravato da una nuova connotazione clinica. L'eterosessuale, nel frattempo, è stato elevato dal suo status originale di maniaco sessuale volubile a un modello di maestria maschile.

Sebbene ispirata dalla ricerca di Ulrichs a favore dell'emancipazione queer, la sessuologia come campo è stata a lungo accreditata come l'origine della modernità sessuale. Mentre la medicalizzazione della sessualità poneva rigide concezioni attorno a esperienze che dovevano ancora essere etichettate, era anche “una reazione contro la tradizione. . . Divieti vittoriani e, come tale, ideologia della liberazione sessuale ". In sostanza, i primi sessuologi agivano come guardiani che legittimavano l'identità queer mentre si sovrapponevano ai propri pregiudizi. Casi clinici pubblicati come quelli di Krafft-Ebing hanno fornito ai queer un mezzo attraverso il quale trovare sia l'autoespressione che la solidarietà comune.
 Il silenzio che Ulrichs aveva rotto fu eliminato del tutto. La testimonianza - sullo sfondo della scienza medica "rispettabile" - è stato un potente strumento che ha trasportato i queer fuori da un'era di segretezza, silenzio e repressione

Ulrichs riuscì appena a terminare l'introduzione del suo discorso all'Odeon prima di essere interrotto da sussulti scioccati, urla di disgusto e grida di smettere di leggere. Riprese di nuovo, ripetendosi:
"C'è una classe di persone che è “esposta a una persecuzione legale immeritata per nessun altro motivo che. . . una natura sessuale che è l'opposto di ciò che è generalmente usuale. . . " *
Il pubblico del teatro rumoreggiava: una parte chiedeva di aggiornarsi, l'altra insisteva che Ulrichs continuasse. 
A questo punto, il presidente chiese a Ulrichs di usare il latino per continuare il suo discorso (per evitare di parlare apertamente della natura sessuale "vergognosa" della sua proposta).
 Non interessato a cedere alle loro richieste, Ulrichs mise i suoi appunti sul tavolo del presidente e uscì.


Ulrichs ha descritto il giorno della sua protesta nel suo sesto trattato "Gladius Furens" ("Spada furiosa"). Fu il primo dei suoi trattati a portare il suo vero nome. (OutHistory.org)

All'inizio del ventesimo secolo, molti attivisti queer europei e americani - ispirati dall'eredità di Ulrichs - hanno plasmato le nostre concezioni della sessualità costruendo nuove strutture e terminologia (cioè identità sessuali) per soddisfare i loro sforzi di costruzione della comunità.
 Oggi, abbiamo la tendenza a fondere tutte queste identità primitive - terzo sesso, Urningo, omosessuale, omogeno, uranico, invertito, sesso intermedio, intermediario sessuale, similsessuale - con "gay" tramite applicazioni presentiste di significato.
 Il significato politico e le connotazioni di questi termini rimangono una conoscenza non comune.

Le conseguenze della protesta di Ulrichs sono radicate nel suo atto di creazione del significato sessuale. 
Ulrichs ha forgiato un'identità sessuale con lo scopo esplicito di organizzare le persone per fare campagne contro un problema che li ha colpiti collettivamente (cioè, leggi anti-sodomia). 
Ulrichs ha aperto la strada e ha politicizzato la costruzione di comunità queer riconoscendo un interesse condiviso e tentando di costruire una piattaforma da esso.

L'attivismo queer ha sempre avuto una storia di creazione di significato sessuale - programmi politici che aiutano a determinare i cambiamenti nel linguaggio usato per descrivere la sessualità. 

Esplorare come e perché gli identificatori sono stati e continuano ad essere originati - e successivamente impregnati di significato - ci aiuta a comprendere e affinare i moderni attivismi queer. Unitevi a me nell'affermare il lavoro dei nostri antenati e nel celebrare i 150 anni dell'eredità di Ulrichs, coloro che ha ispirato e continua a ispirare.