Vivere per la proposta di legge Eutanasia Legale

Libertà sessuale, libera sessualità- 1976 - Adele Faccio

Piano improvisation di Salvatore Maresca Serra

Alba Montori su Facebook

venerdì 8 novembre 2019

Caro italian* , leggi attentamente il post. E leggilo tutto.

Caro italiano,

si è concluso il 3 novembre scorso in un clima di fraternità e unione il 9° Congresso italiano e il Consiglio generale del Partito Radicale che hanno adottato un documento politico che va ad affiancarsi alla mozione adottata dal 41° Co
ngresso. Il Consiglio ha inoltre eletto a proprio Presidente Makara Thhai, cambogiano, rappresentante in Italia della resistenza cambogiana in esilio, che ha già rappresentato il Partito alle Nazioni Unite.

Siamo consapevoli che ci aspetta una traversata nel deserto della censura e della disinformazione, dobbiamo quindi attrezzarci, riuscire a distinguere i miraggi dalle oasi, tracciare la strada da percorre e percorrerla.
Siamo consapevoli che lo Stato di Diritto è sotto attacco, la democrazia, la laicità, l'insieme dei diritti umani, civili sociali politici rischiano di non essere più le fondamenta della società, il faro che conduce nel porto sicuro della civiltà.
Noi continuiamo imperterriti a percorre un millimetro al giorno e lo facciamo con la consapevolezza e la determinazione che ci contraddistinguono.

Dopo tre giorni di congresso completamente censurato dai mezzi di informazione, siamo stati sbattuti con violenza su agenzie, giornali, televisioni, radio per la vicenda di un iscritto a Radicali Italiani coinvolto in fatti di mafia. Se fosse stato iscritto al Partito ce ne saremmo immediatamente assunti tutte le responsabilità, ma non vogliamo assolutamente consentire che la vicenda politica del Partito Radicale sia confusa con quella di Radicali Italiani.

In queste ore stiamo preparando un dossier che sarà inviato alle massime autorità dello Stato e sarà oggetto di denunce penali ed esposti all'ordine dei giornalisti.

Noi dobbiamo ricordare che la rottura tra radicali italiani, i suoi dirigenti e militanti e Marco Pannella con la maggioranza del Partito Radicale è avvenuto proprio sulla questione giustizia. Con Pannella che insisteva, e noi insistiamo, che la giustizia (con la sua infame appendice carceraria) è la più grande questione sociale del nostro tempo.

Abbiamo pagato cara la confusione ed è un prezzo che non ha ragione di essere pagato: negli scorsi anni decine di compagne e compagni hanno erroneamente versato l’iscrizione al Partito Radicale sui conti di Radicali Italiani, mentre non è accaduto l’inverso. Non ci interessa indagarne le ragioni: è un fatto politico che ha un risvolto anche economico, che non possiamo sostenere perché viviamo unicamente dei contributi degli iscritti.

Ricordiamo quindi che per iscriversi o contribuire al Partito Radicale è necessario versare il denaro unicamente sui conti intestati al Partito Radicale, online unicamente dal sito www.partitoradicale.it

Grazie, un abbraccio
Home - PARTITO RADICALE Nonviolento Transpartito Transnazionale
PARTITORADICALE.IT
Home - PARTITO RADICALE Nonviolento Transpartito Transnazionale

giovedì 3 ottobre 2019

170 anni della Repubblica Romana- Celebrazioni

In occasione del 170° anniversario della Repubblica Romana del 1849, la Città Metropolitana di Roma Capitale promuove un evento celebrativo che avrà luogo nei giorni 9 e 10 ottobre p.v. presso Villa Altieri, Palazzo della Cultura e della Memoria storica, Viale Manzoni, 47- Roma, sede della Biblioteca e dell’Archivio Storico dell’Ente.
L’evento sarà costituito dal convegno “ 170 anni della Repubblica Romana del 1849”, da una mostra bibliografica e iconografica di volumi, stampe ed incisioni della Biblioteca relativi agli eventi della Repubblica Romana e dalla  presentazione dell’elaborato multimediale dedicato ai luoghi e alle vicende della Repubblica Romana e alle  memorie e documenti  di patrioti e patriote a cura degli studenti degli istituti scolastici che partecipano all’Alternanza scuola lavoro in ambito bibliotecario-archivistico.
Come già accennato, i lavori del convegno avranno luogo il 09 ed il 10 ottobre, durante i quali si alterneranno al tavolo dei relatori Storici e Studiosi dell’Istituto internazionale di Studi Giuseppe Garibaldi, di giuristi dell’Università della Sapienza e del CNR, di giornaliste, scrittici e storiche dell’arte della Sovrintendenza di Roma Capitale, alunni degli Istituti scolastici “Isaac Newton” e “L.A. Seneca” di Roma.
In considerazione della rilevanza che l’evento storico ha avuto sul territorio metropolitano, teatro di importanti avvenimenti legati alla Repubblica Romana, siamo certi di fare cosa gradita invitandovi a partecipare. Si allega pertanto alla presente il programma del convegno.
La partecipazione è libera e gratuita fino ad esaurimento posti  e ai presenti verrà rilasciato, su richiesta, apposito attestato di partecipazione.
 
Per motivi organizzativi si prega di comunicare la propria adesione  al seguente indirizzo di posta elettronica: villaaltieriufficiogestione@cittametropolitanaroma.gov.it indicando nome, cognome ed ente di appartenenza.

Città Metropolitana di Roma Capitale
Dipartimento II Servizio II
Ufficio di gestione - Villa Altieri - Roma

martedì 10 settembre 2019

In ricordo di Beatrice Cenci

Il prossimo 11 settembre ricorrerà il 420° anniversario della morte di Beatrice Cenci, nobildonna bella e colta, amata dal popolo romano, nata libera e ricchissima ereditiera, imprigionata a lungo tra Castel Sant'Angelo e Tor di Nona, torturata orribilmente e giustiziata a Roma mediante decapitazione assieme alla sua matrigna Lucrezia Petroni e ai suoi fratelli.

Fu costretta a pagare la sua bellezza, la sua fierezza e la sua ricchezza per ordine del papa Clemente VIII con questa sorte orribile che ancora a Roma viene definita "er fattaccio"

La sentenza capitale fu eseguita, senza possibile appello, l'11 settembre 1599 a Roma, al termine di un processo farsa in cui fu giudicata colpevole di aver assassinato suo padre Francesco, ricchissimo e dissoluto figlio del banchiere Cristoforo Cenci, delitto che probabilmente lei e la matrigna non avevano commesso.

Lo scopo del potente pontefice, non dichiarato ma noto a tutti i cittadini romani, fu quello di impossessarsi dell'ingentissima fortuna in proprietà immobili e mobili della famiglia Cenci, che venne infatti distribuita dallo stesso tra il nipote Aldobrandini e i suoi sostenitori e clienti.

Ma non ebbe pace neanche da morta.
Le spoglie di Beatrice, custodite nella cripta del tempietto di San Pietro in Montorio per sua espressa volontà, sono state private della testa, collocata accanto alla bara col corpo, da un ignoto soldato francese al soldo del Papa Pio IX, durante la terribile battaglia in cui cadde la Repubblica Romana del 1949, e mai più ritrovate...


Dedichiamole un pensiero affettuoso e un ricordo.


Di lei ci è giunto forse solo questo ritratto, attribuito a Guido Reni, conservato nella Galleria di Palazzo Barberini


Ma le sue delicate fattezze sono reperibili anche in altri dipinti dell'epoca ..

Santa Caterina d'Alessandria
 dipinto a olio su tela (173x133 cm) realizzato nel 1598-1599 dal  Caravaggio

Maria Maddalena 
Guido Reni 1630 circa 



e in questa stupenda tela del Caravaggio del 1597



Si dice che Caravaggio abbia dipinto il quadro qui sopra pensando alla storia di Beatrice Cenci accusata e riconosciuta colpevole, insieme alla matrigna e al fratello, di aver ucciso il padre, dopo averlo addormentato con l'oppio. Anche per questa ragione la tela è stata ritenuta dipinta nel 1599 circa (anno in cui Beatrice fu giustiziata).

Tuttavia è possibile legarne la commissione a una ricevuta di pagamento, da parte di Ottavio Costa a Caravaggio per un quadro già iniziato, datata 21 maggio 1602.

AMg

lunedì 9 settembre 2019

A 170 anni dalla sua breve esistenza ricordiamo la gloriosa Repubblica Romana del 1948-49


Repubblica Romana – Bandiera

Dopo la prima Repubblica Romana (1798-1799) dell'epoca moderna di impronta francese,  nel 1849 nacque la Seconda Repubblica Romana:  sorta in Italia nell'ambito del Risorgimento a seguito di una rivolta interna nei territori dello Stato Pontificio, ebbe come esito la fuga di papa Pio IX dai suoi poteri temporali. 

Nata il 9 febbraio 1849 a seguito dei grandi moti del 1848,  si configurò in Stato repubblicano indipendenteterminò il 4 luglio 1849 per l'intervento militare della Francia di Luigi Napoleone Bonaparte, il futuro Napoleone III, che per convenienza politica ristabilì l'ordinamento pontificio, in deroga ad un articolo della costituzione francese.

 Tuttavia la Repubblica Romana fu un'esperienza significativa nella storia dell'unificazione italiana, perché vide l'incontro e il confronto di molte figure di primo piano del Risorgimento accorse da tutta la Penisola, fra cui Giuseppe Garibaldi e Goffredo Mameli.

Nella sua breve esistenza la Repubblica fu governata da un triumvirato composto da Carlo Armellini, Giuseppe Mazzini, e Aurelio Saffi.
 Inoltre  in questo breve tempo riuscì a promulgare la sua Costituzione, che è alla base di tutte le quelle europee attuali a cominciare da quella Italiana, e a porre quei principi che appaiono ormai irrinunciabili diritti umani, a livello europeo e internazionale.

In meno di 5 mesi Roma passò dalla condizione di Stato tra i più arretrati d'Europa a banco di prova delle nuove idee democratiche, ispirate principalmente al mazzinianesimo, poiché  fondava la sua vita politica e civile su principi altamente rivoluzionari, per allora.

 In primo luogo fu sancito nelle elezioni il suffragio universale: esso fu esercitato solo al maschile ma il suffragio femminile non era vietato dalla Costituzione, e non venne utilizzato dalle donne solo  per consuetudine.

 Sancì anche l'abolizione della pena di morte e la libertà di culto.

Vi invito a far tesoro della sua ri-lettura a 170 anni di distanza. 

AMg




COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ROMANA

Data di emanazione in calce: votata ad unanimità dal Campidoglio il 1 Luglio 1849



PRINCIPII FONDAMENTALI

I.
La sovranità è per diritto eterno nel popolo. 
Il popolo dello Stato Romano è costituito in repubblica democratica.

II.
Il regime democratico ha per regola l’eguaglianza, la libertà, la fraternità.
Non riconosce titoli di nobiltà, né privilegi di nascita o casta.

III.
La Repubblica colle leggi e colle istituzioni promuove il miglioramento delle condizioni morali e materiali di tutti i cittadini.

IV.
La Repubblica riguarda tutti i popoli come fratelli: rispetta ogni nazionalità: propugna l’italiana.

V.
I Municipii hanno tutti eguali diritti: la loro indipendenza non è limitata che dalle leggi di utilità generale dello Stato.

VI.
La più equa distribuzione possibile degli interessi locali, in armonia coll’interesse politico dello Stato è la norma del riparto territoriale della Repubblica.

VII.
Dalla credenza religiosa non dipende l’esercizio dei diritti civili e politici.

VIII.
Il Capo della Chiesa Cattolica avrà dalla Repubblica tutte le guarentigie necessarie per l’esercizio indipendente del potere spirituale.



Titolo I

DEI DIRITTI E DEI DOVERI DEI CITTADINI

Art. 1. — Sono cittadini della Repubblica:

- Gli originarii della Repubblica;
- Coloro che hanno acquistata la cittadinanza per effetto delle leggi precedenti;
- Gli altri Italiani col domicilio di sei mesi;
- Gli stranieri col domicilio di dieci anni;
- I naturalizzati con decreto del potere legislativo.

Art. 2. — Si perde la cittadinanza:

- Per naturalizzazione, o per dimora in paese straniero con animo di non piú tornare;
- Per l’abbandono della patria in caso di guerra, o quando è dichiarata in pericolo;Per accettazione di titoli conferiti dallo straniero;
- Per accettazione di gradi e cariche, e per servizio militare presso lo straniero, senza autorizzazione del governo della Repubblica; l’autorizzazione è sempre presunta quando si combatte per la libertà d’un popolo;
- Per condanna giudiziale.

Art. 3. — Le persone e le proprietà sono inviolabili.

Art. 4. — Nessuno può essere arrestato che in flagrante delitto, o per mandato di giudice, né essere distolto dai suoi giudici naturali. Nessuna Corte o Commissione eccezionale può istituirsi sotto qualsiasi titolo o nome.
 Nessuno può essere carcerato per debiti.

Art. 5. — Le pene di morte e di confisca sono proscritte.

Art. 6. — Il domicilio è sacro: non è permesso penetrarvi che nei casi e modi determinati dalla legge.

Art. 7. — La manifestazione del pensiero è libera; la legge ne punisce l’abuso senza alcuna censura preventiva.

Art. 8. — L’insegnamento è libero.
Le condizioni di moralità e capacità, per chi intende professarlo, sono determinate dalla legge.

Art. 9. — Il segreto delle lettere è inviolabile.

Art. 10. — Il diritto di petizione può esercitarsi individualmente e collettivamente.

Art. 11. — L’associazione senz’armi e senza scopo di delitto, è libera.

Art. 12. — Tutti i cittadini appartengono alla guardia nazionale nei modi e colle eccezioni fissate dalla legge.

Art. 13. — Nessuno può essere astretto a perdere la proprietà delle cose, se non in causa pubblica, e previa giusta indennità.

Art. 14. — La legge determina le spese della Repubblica, e il modo di contribuirvi.
Nessuna tassa può essere imposta se non per legge, nè percetta per tempo maggiore di quello dalla legge determinato.



Titolo II

DELL’ORDINAMENTO POLITICO

Art. 15. — Ogni potere viene dal popolo. Si esercita dall’Assemblea, dal Consolato, dall’Ordine

Art. 16. — L’Assemblea è costituita da Rappresentanti del popolo.

Art. 17. — Ogni cittadino che gode i diritti civili e politici a 21 anno è elettore, a 25 è eleggibile.

Art. 18. — Non può essere rappresentante del popolo un pubblico funzionario nominato dai consoli o dai ministri.

Art. 19. — Il numero dei rappresentanti è determinato in proporzione di uno ogni ventimila abitanti.

Art. 20. — I Comizi generali si radunano ogni tre anni nel 21 aprile.
Il popolo vi elegge i suoi rappresentanti con voto universale, diretto e pubblico.



Titolo III

DELL'ASSEMBLEA 


Art. 21. — L’Assemblea si riunisce il 15 maggio successivamente all’elezione.
Si rinnova ogni tre anni.

Art. 22. — L’Assemblea si riunisce in Roma, ove non determini altrimenti, e dispone della forza armata di cui crederà aver bisogno.

Art. 23. — L’Assemblea è indissolubile e permanente, salvo il diritto di aggiornarsi per quel tempo che crederà.
Nell’intervallo può essere convocata ad urgenza sull’invito del presidente co’ segretari, di trenta membri, o del Consolato.

Art. 24. — Non è legale se non riunisce la metà, piú uno dei suoi rappresentanti.
Il numero qualunque de’ presenti decreta i provvedimenti per richiamare gli assenti.

Art. 25. — Le sedute dell’Assemblea sono pubbliche.
Può costituirsi in comitato segreto.

Art. 26. — I rappresentanti del popolo sono inviolabili per le opinioni emesse nell’Assemblea, restando inerdetta qualunque inquisizione.

Art. 27. — Ogni arresto o inquisizione contro un rappresentante è vietato senza permesso dell’Assemblea, salvo il caso di delitto flagrante.
Nel caso di arresto in flagranza di delitto, l’Assemblea che ne sarà immediatamente informata, determina la continuazione o cessazione del processo.
Questa disposizione si applica al caso in cui un cittadino carcerato fosse eletto rappresentante.

Art. 28. — Ciascun rappresentante del popolo riceve un indennizzo cui non può rinunziare.

Art. 29. — L’Assemblea ha il potere legislativo: decide della pace, della guerra, e dei trattati.

Art. 30. — La proposta delle leggi appartiene ai rappresentanti e al Consolato.

Art. 31. — Nessuna proposta ha forza di legge, se non dopo adottata con due deliberazioni prese all’intervallo non minore di otto giorni, salvo all’Assemblea di abbreviarlo in caso d’urgenza.

Art. 32. — Le leggi adottate dall’Assemblea vengono senza ritardo promulgate dal Consolato in nome di Dio e del popolo. Se il Consolato indugia, il presidente dell’Assemblea fa la promulgazione.




Titolo IV

DEL CONSOLATO E DEL MINISTERO

Art. 33. — Tre sono i consoli. Vengono nominati dall’Assemblea a maggioranza di due terzi di suffragi.
Debbono essere cittadini della repubblica, e dell’età di 30 anni compiti.

Art. 34. — L’ufficio dei consoli dura tre anni. Ogni anno uno dei consoli esce d’ufficio. Le due prime volte decide la sorte fra i tre primi eletti.
Niun console può essere rieletto se non dopo trascorsi tre anni dacché uscí di carica.

Art. 35. — Vi sono sette ministri di nomina del Consolato:
1. Degli affari interni;
2. Degli affari esteri;
3. Di guerra e marina;
4. Di finanze;
5. Di grazia e giustizia;
6. Di agricoltura, commercio, industria e lavori pubblici;
7. Del culto, istruzione pubblica, belle arti e beneficenza.

Art. 36. — Ai consoli sono commesse l’esecuzione delle leggi, e le relazioni internazionali.

Art. 37. — Ai consoli spetta la nomina e revocazione di quegli impieghi che la legge non riserva ad altra autorità; ma ogni nomina e revocazione deve esser fatta in consiglio de’ ministri.

Art. 38. — Gli atti dei consoli, finché non sieno contrassegnati dal ministro incaricato dell’esecuzione, restano senza effetto. Basta la sola firma dei consoli per la nomina e revocazione dei ministri.

Art. 39. — Ogni anno, ed a qualunque richiesta dell’Assemblea, i consoli espongono lo stato degli affari della Repubblica.

Art. 40. — I ministri hanno il diritto di parlare all’Assemblea sugli affari che li risguardano.

Art. 41. — I consoli risiedono nel luogo ove si convoca l’Assemblea, né possono escire dal territorio della Repubblica senza una risoluzione dell’Assemblea sotto pena di decadenza.

Art. 42. — Sono alloggiati a spese della Repubblica, e ciascuno riceve un appuntamento di scudi tremila e seicento.

Art. 43. — I consoli e i ministri sono responsabili.

Art. 44. — I consoli e i ministri possono essere posti in stato d’accusa dall’Assemblea sulla proposta di dieci rappresentanti. La dimanda deve essere discussa come una legge.

Art. 45. — Ammessa l’accusa, il console è sospeso dalle sue funzioni. Se assoluto, ritorna all’esercizio della sua carica, se condannato, passa a nuova elezione.




Titolo V

DEL CONSIGLIO DI STATO

Art. 46. — Vi è un consiglio di stato, composto da quindici consiglieri nominati dall’Assemblea.

Art. 47. — Esso deve essere consultato dai Consoli, e dai ministri sulle leggi da proporsi, sui regolamenti e sulle ordinanze esecutive; può esserlo sulle realzioni politiche.

Art. 48. — Esso emana que’ regolamenti pei quali l’Assemblea gli ha dato una speciale delegazione. Le altre funzioni sono determinate da una legge particolare.



Titolo VI

DEL POTERE GIUDIZIARIO

Art. 49. — I giudici nell’esercizio delle loro funzioni non dipendono da altro potere dello Stato.

Art. 50. — Nominati dai consoli ed in consiglio de’ ministri sono inamovibili, non possono essere promossi, né trasclocati che con proprio consenso, né sospesi, degradati, o destituiti se non dopo regolare procedura e sentenza.

Art. 51. — Per le contese civili vi è una magistratura di pace.

Art. 52. — La giustizia è amministrata in nome del popolo pubblicamente; ma il tribunale, a causa di moralità, può ordinare che la discussione sia fatta a porte chiuse.

Art. 53. — Nelle cause criminali al popolo appartiene il giudizio del fatto, ai tribunali l’applicazione della legge. La istituzione dei giudici del fatto è determinata da legge relativa.

Art. 54. — Vi è un pubblico ministero presso i tribunali della Repubblica.

Art. 55. — Un tribunale supremo di giustizia giudica, senza che siavi luogo a gravame, i consoli ed i ministri messi in istato di accusa. Il tribunale supremo si compone del presidente, di quattro giudici piú anziani della cassazione, e di giudici del fatto, tratti a sorte dalle liste annuali, tre per ciascuna provincia.
L’Assemblea designa il magistrato che deve esercitare le funzioni di pubblico ministero presso il tribunale supremo.
È d’uopo della maggioranza di due terzi di suffragi per la condanna.



Titolo VII

DELLA FORZA PUBBLICA

Art. 56. — L’ammontare della forza stipendiata di terra e di mare è determinato da una legge, e solo per una legge può essere aumentato o diminuito.

Art. 57. — L’esercito si forma per arruolamento volontario, o nel modo che la legge determina.

Art. 58. — Nessuna truppa straniera può essere assoldata, né introdotta nel territorio della Repubblica, senza decreto dell’Assemblea.

Art. 59. — I generali sono nominati dall’Assemblea sopra proposta del Consolato.

Art. 60. — La distribuzione dei corpi di linea e la forza delle interne guarnigioni sono determinate dall’Assemblea, né possono subire variazioni, o traslocamento anche momentaneo, senza di lei consenso.

Art. 61. — Nella guardia nazionale ogni grado è conferito per elezione.

Art. 62. — Alla guardia nazionale è affidato principalmente il mantenimento dell’ordine interno e della costituzione.



Titolo VIII

DELLA REVISIONE DELLA COSTITUZIONE


Art. 63. — Qualunque riforma di costituzione può essere solo domandata nell’ultimo anno della legislatura da un terzo almeno dei rappresentanti.

Art. 64. — L’Assemblea delibera per due volte sulla domanda all’intervallo di due mesi. Opinando l’Assemblea per la riforma alla maggioranza di due terzi, vengono convocati i comizii generali, onde eleggere i rappresentanti per la costituente, in ragione di uno ogni 15 mila abitanti.

Art. 65. — L’Assemblea di revisione è ancora assemblea legislativa per tutto il tempo in cui siede, da non eccedere tre mesi.




DISPOSIZIONI TRANSITORIE

Art. 66. — Le operazioni della costituente attuale saranno specialmente dirette alla formazione della legge elettorale, e delle altre leggi organiche necessarie all’attuazione della costituzione.

Art. 67. — Coll’apertura dell’Assemblea legislativa cessa il mandato della costituente.

Art. 68. — Le leggi e i regolamenti esistenti restano in vigore in quanto non si oppongono alla costituzione, e finché non sieno abrogati.

Art. 69. — Tutti gli attuali impiegati hanno bisogno di conferma.




Il Presidente
G. Galletti

I Vice-Presidenti

A. Saliceti – E. Alloccatelli

I Segretari
G. Pennacchi – G. Cocchi -- A. Fabretti – A. Zambianchi