Vivere per la proposta di legge Eutanasia Legale

Libertà sessuale, libera sessualità- 1976 - Adele Faccio

I colori di Emma BONINO. Una DONNA Istituzionale e oltre....

Alba Montori su Facebook

venerdì 20 febbraio 2015

Morire di cannabis

Unodc e Iran. Una storia d'amore tossico
Conoscevamo già la grande simpatia che Yuri Fedotov,direttore esecutivo dell'UNODC (United Nations Office on Drugs and Crime), nutre per l'Iran, paese che, come tutta la Comunità Internazionale può testimoniare, è avanzatissimo nel campo del riconoscimento  e della tutela di tutti i Diritti umani... Leggi tutto ›
 
Morire di cannabis: in alcuni stati si può
Si può morire di cannabis? Si, secondo alcuni Paesi, ma non a causa della sostanza. Secondo Singapore, Malesia, Iran, Arabia Saudita e Indonesia la giusta punizione per chi detiene e/o consuma cannabis è la pena di morte. Ma si può parlare di pena di morte per un presunto reato che non presenta profili di offensività? Si può essere condannati a morire... Leggi tutto >
 
Cannabis social club in Belgio - Ritorno al passato
Dopo che i primi Canabis Social Club (CSC) erano stati prosciolti in Spagna (Pannagh, 2007) e in Belgio (Trekt uw Plant, 2010), attivisti in vari paesi europei hanno iniziato ad applicare questo modello come un test per provocare un caso giudiziario, con vari esiti, spesso anche all'interno di un solo paese come dimostra l'esempio di due CSC nelle Fiandre in Belgio.... Leggi tutto ›
 
Ketamina: da Super K a diritto umano, malgrado la Cina
Vi potreste chiedere cosa ci sia di strano in questa affermazione.In fondo la Ketamina è una droga, la Super K, tanto di moda nelle discoteche inglesi e poi  arrivata anche da noi in Italia. Una droga da rave, da cavalli… Ma non è così. O meglio, non è solo così... Leggi tutto ›
 
Colorado. Quando il gettito della cannabis è troppo alto
Il modello americano potrebbe non piacere a tutti – in Europa, infatti, la strada prescelta pare essere tutt'altra – ma è indubbio che il successo raggiunto in poco tempo sia assolutamente straordinario... Leggi tutto ›
 
Psichedelia terapeutica in Usa
In Nord-america è in corso un vero e proprio "rinascimento" della ricerca medica sugli psichedelici, a partire da indagini cliniche che coinvolgono molti ricercatori e prestigiose istituzioni Usa, tra cui New York University (NYU), Johns Hopkins University, Harbor-UCLA. Medical Center, University of New Mexico... Leggi tutto ›


Combattere una guerra persa, lettera al Corriere Fiorentino
Prima che esca dalle sale consiglio a chiunque di andare a vedere "The Imitation Game", film che racconta la storia di Alan Turing. Genio della matematica, padre ideale del computer, crittografo in grado di dare scacco matto alla Germania nazista, uomo che ha spinto i confini del nostro sapere oltre ogni ragionevole previsione del suo tempo... Leggi tutto >
 
Approfondimenti
La cura proibita, lo speciale di Fainotizia.it

La cannabis terapeutica, cioè l'uso di medicinali a base di cannabis dietro prescrizione medica, in Italia è legale. O meglio lo è sulla carta, perché ottenerla è molto più complesso di quanto sembri. Un paradosso, specie se si considera che ad esempio l'accesso ai farmaci derivati dall'oppio (come la morfina) è molto più semplice. Eppure la cannabis e i suoi derivati per alcuni pazienti, e in particolare per alcune patologie, si sono rilevati più efficaci di altri farmaci. Perché allora questa resistenza?

Guarda il video
Acef, l'azienda che importa la cannabis in Italia
 
Le rubriche di Radio Radicale
Notiziario antiproibizionista
a cura di Roberto Spagnoli
►Ascolta l'ultima puntata

Notiziario dalla guerra alla droga
a cura di Claudia Sterzi
►Ascolta l'ultima puntata ​

Newletter Antiproibizionista a cura di:
Associazione Luca Coscioni - Partito Radicale
con la collaborazione di: 
Radio Radicale , FaiNotizia , StoptheDrugWar.org
Responsabile: Marco Perduca
Direzione: Nicolò Calabro
Redazione: Andrea Canini, Michele Caprioli,Nicolo' Cavalli, Grazia Di Cesare, Moreno Ferrante, Laura Harth, Vittoria Nenna, Luca Perri, Enrico Von Arx.

Newsletter creata grazie al sostegno dell'Open Society Foundations  

Nessun commento: