Vivere per la proposta di legge Eutanasia Legale

Libertà sessuale, libera sessualità- 1976 - Adele Faccio

I colori di Emma BONINO. Una DONNA Istituzionale e oltre....

Alba Montori su Facebook

giovedì 2 ottobre 2014

PROGETTO BRAIN

La Casa Bianca, Washington
Era la notte di Capodanno nel 2009, quando il mio casco mi ha salvato la vita.
Durante le Olimpiadi invernali in Utah, io ero in testa nello  snowboarding competitivo quando ho subito una lesione cerebrale traumatica mortale da cui sto ancora riprendendomi. E mentre io non potrò mai più fare snowboard competitivo di nuovo, spero di essere una voce per i milioni di americani che si cimentano con le malattie del cervello.
Fino al mio infortunio, non ho speso troppo tempo a pensare al mio cervello, ma negli ultimi anni, ho imparato molto sul motore che guida i nostri pensieri, emozioni e azioni.
Ho imparato che nella mia battaglia per riprendermi da questo devastante infortunio, io non sono solo. I ricercatori stimano che circa 100 milioni di americani soffrono di disturbi cerebrali ad un certo punto della loro vita. Dall' Alzheimer all'autismo e alla SLA, tutti i tipi di lesione traumatica cerebrale, i disturbi da stress post-traumatico e la depressione cronica, le malattie del cervello non sono solo catastrofiche, sono comuni.
Ecco perché l'iniziativa BRAIN  del Presidente - uno sforzo di tutte le mani sulla stessa piattaforma per comprendere il cervello umano e attivare gli strumenti, le tecniche e le tecnologie in grado di migliorare la capacità degli scienziati di diagnosticare, trattare e prevenire le malattie neurologiche -  per me è una questione personale.
Dal mio infortunio, ho imparato che il cervello umano rimane uno dei più grandi misteri della scienza. Decenni di neuroscienze hanno rivelato molto su come funziona il cervello, ma la gran maggioranza dell'attività del cervello, che coinvolge circa 100trilioni di connessioni neurali, rimane inesplorato.
Questo sta cambiando rapidamente. Dal momento che il Presidente ha annunciato l'iniziativa BRAIN lo scorso anno, gruppi di ricerca, agenzie federali, fondazioni, gruppi di difesa dei pazienti, istituti di ricerca privati, aziende, società scientifiche e singoli scienziati hanno impegnato più di $ 300 milioni di dollari nello sforzo coraggioso di  catturare un'immagine dinamica del cervello umano, simile a quello che ha prodotto la mappa del genoma umano.
Gli obiettivi dell'iniziativa BRAIN sono ambiziosi, ma sono realizzabili.
Immaginate che nessuna famiglia abbia dovuto scontrarsi con l'impotenza e l' angoscia per una persona cara con il Parkinson, o TBI, o PTSD. Immaginate se il morbo di Alzheimer, o la SLA, o la depressione cronica fossero stati sradicati dalla nostra vita. Immaginate di aver giocato un ruolo in quelle scoperte.
È per questo che ho lavorato così duramente per creare collegamenti, educare e potenziare la salute del cervello, e per raccontare la storia su quanto il cervello può migliorare, adattarsi, guarire e crescere. Ed è per questo che sono così felice di prestare la mia voce a questi sforzi per contribuire a catalizzare la prossima generazione di trattamenti per le malattie del cervello. Anche se la mia voce può essere più nota rispetto alla maggior parte di esse, so che ci sono tanti americani che hanno i propri cari che hanno combattuto disturbi cerebrali come quelli che ho io.

Io non potrò mai più arrivare a stare sul podio olimpico, ma sono entusiasta di stare con gli scienziati e gli studenti, i ricercatori e i cittadini borderline - per sbloccare e la comprensione delle tre libbre di materia che si trovano tra le nostre orecchie .

Cordiali saluti,
Kevin Pearce
Carlsbad, California

Nessun commento: