Vivere per la proposta di legge Eutanasia Legale

Libertà sessuale, libera sessualità- 1976 - Adele Faccio

I colori di Emma BONINO. Una DONNA Istituzionale e oltre....

Alba Montori su Facebook

mercoledì 1 ottobre 2014

India, ragazze inventano jeans anti-stupro


domenica 28 settembre 2014

India, ragazze inventano jeans anti-stupro
I pantaloni sono in grado di localizzare la vittima e inviare un segnale alla stazione di polizia più vicina

In India la violenza sessuale rappresenta una vera e propria piaga sociale. Quasi ogni giorno si sente parlare di donne stuprate e, nei peggiori casi anche uccise. Così a due ragazze è venuto in mente di creare dei jeans antistupro.

 Le creatrici di questo indumento sono Diksha Pathak e Anjali Srivastava, due ragazze rispettivamente di 21 e 23 anni provenienti da Varanasi, India del Nord. La prima studia ingegneria, la seconda comunicazione.

“Avevamo in mente questo progetto da molto tempo”, dichiara Diksha Pathak. Mio padre - continua la giovane - si preoccupa spesso ogni volta che io torno a casa tardi”.



I pantaloni funzionano in modo che venga inviato alla stazione di polizia più vicina il segnale. Difatti rispetto a normali jeans, questi hanno incorporato un Gps e un Gsm, così da localizzare il luogo della vittima. Per la messa in funzione occorre una batteria sostituibile dopo tre mesi. Inoltre è possibile risalire alla proprietaria tramite un sistema di software interno. I jeans sono di colore rosso e costano 25 paise.

Secondo il governo indiano c’è uno stupro ogni 22 minuti. Un numero impressionante che ha suscitato una dura reazione da parte dell’Onu. Per la commissione infanzia delle Nazioni Unite, le autorità indiane non fanno abbastanza per combattere il fenomeno. Il primo stupro (denunciato N.d.R) risale al dicembre 2012, quando una ragazza di Nuova Delhi venne rapinata, violentata e uccisa da quattro uomini. Il tutto su un autobus in movimento. Gli imputati sono stati condannati alla pena di morte. Stesso esito per tre giovani che avevano violentato - ma non ucciso - una giornalista a Mumbai.

Non è la prima volta che vengono sperimentati strumenti contro le violenze. Già lo scorso anno tre studenti avevano inventato una biancheria intima anti-stupro, con un dispositivo di corrente elettrica in grado di stordire l’aggressore. Oggi viene presentata questa nuova idea per prevenire e cercare di eliminare sempre più gli stupri.

“Questi terribili stupri di gruppo che noi abbiamo così tanto sentito di recente, hanno scioccato me e la mia collega nel profondo”, continua Pathak. “Speriamo - conclude – che nessun’altra donna debba mai soffrire così, portando i nostri vestiti.”

Nessun commento: