Vivere per la proposta di legge Eutanasia Legale

Libertà sessuale, libera sessualità- 1976 - Adele Faccio

I colori di Emma BONINO. Una DONNA Istituzionale e oltre....

Alba Montori su Facebook

venerdì 1 agosto 2014

Da Associazione Luca Coscioni : Sui diritti civili i giornali italiani prendano esempio da "Economist" e "New York Times"


Newsletter quindicinale su temi bioetici e diritti civili
Numero 62 - 01 agosto 2014
a cura di Carlo Troilo
 
 
Conferenza stampa con Veronesi, Feltri e Cappato
 
 
Sui diritti civili i giornali italiani prendano esempio da "Economist" e "New York Times"

Due dei giornali più importanti del mondo prendono ufficialmente posizione su temi di rilevante interesse in materia di diritti civili.  “The Economist” annuncia che condurrà una campagna per sostenere la legge di Lord Falconer che legalizza il suicidio assistito in Inghilterra. Il “New York Times” cambia la propria linea sulla legalizzazione della cannabis ed inizia una campagna in suo favore, spiegando le ragioni della nuova linea:  l’aumento degli americani favorevoli (54%) e i danni sociali derivanti dal proibizionismo:  nel 2012 negli USA vi sono stati 658mila arresti per possesso di marijuana rispetto ai 256mila relativi a cocaina, eroina e loro derivati. 
Mentre l’editoriale del “New York Times” è stato ripreso dal “Corriere della Sera”, quello di “The Economist” (salvo mia svista) non ha avuto alcuna eco e nessun commento sulla stampa italiana, benché si tratti
 di una delle testate più autorevoli nel mondo,  fondata nel 1843 per sostenere la causa del liberismo politico ed economico. Dunque  in Italia di questa  notizia importante – su un tema che interessa larga parte dell’opinione pubblica -    solo “gli addetti ai lavori” hanno avuto sentore, per il provincialismo e la superficialità della nostra classe dirigente: politici, intellettuali, giornalisti, medici e  cosiddetti “bioeticisti”. 
Penso valga la pena di segnalare in particolare ai giornali italiani l’esempio delle due grandi testate anglosassoni, che prima di pubblicare i loro  editoriali hanno riunito i rispettivi board e le direzioni giornalistiche per definire una linea che diviene da ora e con chiarezza quella ufficiale dei rispettivi  giornali.  Mentre in Italia sul tema dell’ eutanasia – che è una delle questioni su cui maggiormente è impegnata la nostra associazione – non ricordo, dai tempi lontani di Montanelli, un solo direttore che abbia firmato un editoriale in merito  per impegnare la linea del giornale, non contentandosi di riferire sui fatti di cronaca o, al massimo, di  pubblicare due pareri sul tema, con la formula scolastica  del “favorevole” e “contrario”. In questo modo i  direttori dei giornali si rendono “complici” dei parlamentari che continuano ad ignorare la nostra proposta di legge di iniziativa popolare sulla eutanasia dopo quasi un anno dalla sua presentazione ed oltre 4 mesi dalla lettera aperta inviatami dal Presidente Napolitano per sollecitare il Parlamento a discuterne.

Novità sulla fecondazione eterologa: il Ministro Lorenzin propone un decreto legge che serva a normare 9 punti lasciati aperti dalla sentenza costituzionale. L’Associazione Luca Coscioni insieme a molti giuristi elabora un appello, invece, per il pieno rispetto della sentenza che ha cancellato il divieto di fecondazione con donazione di gameti.

Arrivederci a settembre e buone vacanze a tutti.






AGGIORNAMENTO ISCRIZIONI

Situazione delle iscrizioni all'associazione Luca Coscioni:
1.053 iscritti (e 1.622 contribuenti non iscritti), dei quali 86 iscritti tra docenti e ricercatori universitari, 76 medici, 33 avvocati, 23 giornalisti, 10 parlamentari.

Notizie dall'Italia
 Approfondisci
Notizie dal mondo
 Approfondisci
 
 
 
 
 
"Maratoneta"
 
Riascolta l'ultima puntata della nostra trasmissione
 
 Riascolta
 
 
Iscrizioni 2014
 

S ostienici
 
 
5x1000
 
Anche per il 2014 puoi donarci il tuo 5x1000
 
Maggiori in formazioni
 
 
 
Associazione Luca CoscioniVia di Torre Argentina 76 - 00186 RomaTel. 0668979286, Fax.  0623327248 Email info@associazionelucacoscioni.it

Nessun commento: