Vivere per la proposta di legge Eutanasia Legale

Libertà sessuale, libera sessualità- 1976 - Adele Faccio

I colori di Emma BONINO. Una DONNA Istituzionale e oltre....

Alba Montori su Facebook

mercoledì 30 luglio 2014

Carceri. Roberto Giachetti risponde all’appello dei radicali e interroga Orlando sui dati riguardanti le carceri italiane. Bernardini: ora attendiamo una rapida risposta…

Home
Rita Bernardini a cura di Fabrizio Ferrante
30-07-2014

“Grazie al Vicepresidente della Camera, Roberto Giachetti, abbiamo potuto rivolgere alcune domande al Ministro della Giustizia, Andrea Orlando. Ora attendiamo una rapida risposta, visto che si tratta di dati già tutti disponibili presso il DAP; e grave sarebbe se non lo fossero, essendo il nostro Paese sottoposto a monitoraggio da parte del Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa chiamato a verificare l'esecuzione della sentenza Torreggiani (quella per cui la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo ha condannato l'Italia per violazione dell'art. 3 della CEDU: tortura / trattamenti inumani e degradanti nei confronti dei detenuti)”. Così si è espressa la segretaria di Radicali Italiani, Rita Bernardini giunta al 29° giorno di sciopero della fame insieme ad oltre 300 cittadini e a Marco Pannella che sostengono il Satyagraha “per il rispetto del diritto alle cure dei detenuti”.

Dopo l’appello lanciato nei giorni scorsi attraverso i microfoni di Radio Carcere, dai quali la Segretaria di Radicali Italiani si era rivolta a Giachetti, puntualmente è giunta l’interrogazione parlamentare che fa riferimento a quanto sollevato dai Radicali in merito ai dati relativi alle capienze, al sovraffollamento, ma non solo. L’interrogazione presentata da Giachetti chiede chiarimenti sul modo in cui vengono calcolate le cosiddette capienze regolamentari degli istituti penitenziari le quali, secondo una sentenza della Corte Cassazione (la n.5728/2014) e della stessa Corte EDU devono essere misurate al netto degli arredi.

L’atto di sindacato ispettivo del Vicepresidente della Camera si fonda sul principio -fondamentale in democrazia- del diritto dei cittadini alla conoscenza: si chiede, infatti, al Ministro della Giustizia di fornire un monitoraggio costante di ciascuno dei 205 istituti penitenziari quanto a capacità ricettiva legale, detenuti presenti, possibilità di utilizzare i servizi igienici in modo riservato, aerazione disponibile, accesso alla luce e all’aria naturali, qualità del riscaldamento e rispetto delle esigenze sanitarie di base, il tutto con rifermento esplicito alle regole penitenziarie europee adottate dal Comitato dei Ministri del Consiglio D’Europa.

(A cura di Fabrizio Ferrante, membro del Comitato nazionale di Radicali italiani, ferrantefabrizio2010@libero.it)

Nessun commento: