Vivere per la proposta di legge Eutanasia Legale

Libertà sessuale, libera sessualità- 1976 - Adele Faccio

I colori di Emma BONINO. Una DONNA Istituzionale e oltre....

Alba Montori su Facebook

mercoledì 11 settembre 2013

OBAMA ai cittadini USA sulla Siria

Sto leggendo molte falsità su quello che il Presidente USA Obama avrebbe  dichiarato di voler intervenire nella nquestione siriana.

Ritengo sia molto importante invece sapere di prima mano ciò che ha dichiarato, perché anche nel nostro ameno paese c'è troppa gente che fa da anni dell'antiamericanismo sviscerato una comoda e sbandierata bandiera per coprire le proprie ipocrisie e la propria incapacità di reale azione politica.
Ecco pertanto il testo che ho ricevuto direttamente  dalla Casa Bianca, in italiano e inglese, e il link al filmato integrale dell'intervento del Presidente USA che chiunque può vedere ed ascoltare di persona.
Aggiungo che se volete scrivere direttamente al Presidente Obama quel che ne pensate potete farlo utilizzando direttamente la posta elettronica  o il telefono

Contact the White House

The White House • 1600 Pennsylvania Ave NW • Washington, DC 20500 • 202-456-1111

Buona lettura

Alba Montori



The White House, Washington

Buona sera -

Ho appena parlato alla nazione a proposito dell'uso di armi chimiche in Siria.

Nel corso degli ultimi due anni, quella che era iniziata come una serie di proteste pacifiche contro il regime repressivo di Bashar al-Assad si è trasformata in una brutale guerra civile in Siria. Oltre 100.000 persone sono state uccise.

Fin da subito abbiamo lavorato con amici e alleati per fornire aiuti umanitari per il popolo siriano, aiutare l'opposizione moderata all'interno di Siria, e individuare e perseguire una soluzione politica. Epperciò abbiamo resistito alle richieste di intervento militare, perché non siamo in grado di risolvere con la forza  la guerra civile di qualcun altro.

La situazione si è profondamente modificata nelle prime ore del 21 agosto, quando più di 1.000 siriani - tra cui centinaia di bambini - sono stati uccisi da agenti chimici lanciati dal governo di Assad.

Quel che è accaduto a quelle persone - a quei bambini - non è solo una violazione del diritto internazionale - è anche un pericolo per la nostra sicurezza. Ecco perché:

Se non reagiremo, il regime di Assad non vedrà alcun motivo per smettere di usare armi chimiche. Senza il divieto di queste armi micidiali erode, come altri tiranni e regimi autoritari non avranno motivo di pensarci due volte prima di acquistare gas velenosi e utilizzarli. Nel corso del tempo, le nostre truppe potrebbero affrontare la prospettiva di una guerra chimica sul campo di battaglia. Per le organizzazioni terroristiche potrebbe essere più facile procurarsi queste armi e usarle per attaccare i civili. Se la lotta fuoriuscisse oltre i confini della Siria, queste armi potrebbero minacciare i nostri alleati nella regione.

Così, dopo attenta riflessione, ho deciso che è negli interessi della sicurezza nazionale degli Stati Uniti rispondere al ricorso ad armi chimiche da parte del regime di Assad  attraverso un attacco militare mirato. Lo scopo di questo intervento sarebbe scoraggiare Assad ad usare armi chimiche, mettere in crisi la capacità del suo regime di usarli, e rendere chiaro al mondo che non siamo disposti a tollerare il loro uso.

Anche se io possiedo la facoltà di ordinare questi interventi anche in assenza di una minaccia diretta alla nostra sicurezza, credo che il Congresso dovrebbe prendere in considerazione la mia decisione di agire. La nostra democrazia è forte quando il Presidente agisce con il sostegno del Congresso - e quando gli americani stanno insieme come un solo popolo.

Negli ultimi giorni, da come si evolve il dibattito su questo, abbiamo già cominciato a vedere i segni che la minaccia credibile di un'azione militare degli Stati Uniti può produrre una svolta diplomatica. Il governo russo ha manifestato la volontà di partecipare con la comunità internazionale nell'azione di spingere Assad a mollare le armi chimiche e il regime di Assad ha ora ammesso di avere queste armi, e ha persino detto di volersi unire alla convenzione sulle armi chimiche, che vieterebbe loro di utilizzarne.

E 'troppo presto per dire se questa offerta avrà successo, e qualsiasi accordo dovrà poi verificare che il regime di Assad mantenga i suoi impegni. Ma questa iniziativa ha la forza potenziale per eliminare la minaccia di armi chimiche senza l'uso della forza.

E 'per questo che ho chiesto ai leader del Congresso di rinviare il voto per autorizzare l'uso della forza, mentre perseguiamo questa via diplomatica. Sto inviando il Segretario di Stato John Kerry ad incontrare il suo omologo russo il prossimo giovedi, e continuerò i miei colloqui con il Presidente Putin. Allo stesso tempo, lavoreremo con due dei nostri più stretti alleati - la Francia e il Regno Unito - per presentare una risoluzione al Consiglio di sicurezza dell'ONU con la richiesta formale ad Assad di abbandonare le sue armi chimiche, e di distruggerle sotto il controllo ultimativo previsto dal diritto internazionale.

Nel frattempo, ho ordinato ai nostri militari di conservate la loro posizione corrente per mantenere la pressione su Assad, ed essere in grado di rispondere se la diplomazia fallisce. E stasera, ringrazio ancora una volta i nostri militari e le loro famiglie per la loro incredibile forza e per i loro sacrifici.

Mentre continuiamo questo dibattito - a Washington, e in tutto il paese - ho bisogno del vostro aiuto per fare in modo che tutti comprendano i fattori in gioco.

Condividete questo messaggio con gli altri per assicurarsi che sappiano a cosa sono favorevole, e come si può rimanere aggiornati su questa situazione. Chiunque può trovare le informazioni più recenti sulla situazione in Siria, tra cui il video del discorso di questa sera, qui:

http://www.whitehouse.gov/issues/foreign-policy/syria

Grazie,

Il presidente Barack Obama


Good evening --

I just addressed the nation about the use of chemical weapons in Syria.

Over the past two years, what began as a series of peaceful protests against the repressive regime of Bashar al-Assad has turned into a brutal civil war in Syria. Over 100,000 people have been killed.

In that time, we have worked with friends and allies to provide humanitarian support for the Syrian people, to help the moderate opposition within Syria, and to shape a political settlement. But we have resisted calls for military action because we cannot resolve someone else's civil war through force.

The situation profoundly changed in the early hours of August 21, when more than 1,000 Syrians -- including hundreds of children -- were killed by chemical weapons launched by the Assad government.

What happened to those people -- to those children -- is not only a violation of international law -- it's also a danger to our security. Here's why:

If we fail to act, the Assad regime will see no reason to stop using chemical weapons. As the ban against these deadly weapons erodes, other tyrants and authoritarian regimes will have no reason to think twice about acquiring poison gases and using them. Over time, our troops could face the prospect of chemical warfare on the battlefield. It could be easier for terrorist organizations to obtain these weapons and use them to attack civilians. If fighting spills beyond Syria's borders, these weapons could threaten our allies in the region.

So after careful deliberation, I determined that it is in the national security interests of the United States to respond to the Assad regime's use of chemical weapons through a targeted military strike. The purpose of this strike would be to deter Assad from using chemical weapons, to degrade his regime's ability to use them, and make clear to the world that we will not tolerate their use.

Though I possess the authority to order these strikes, in the absence of a direct threat to our security I believe that Congress should consider my decision to act. Our democracy is stronger when the President acts with the support of Congress -- and when Americans stand together as one people.

Over the last few days, as this debate unfolds, we've already begun to see signs that the credible threat of U.S. military action may produce a diplomatic breakthrough. The Russian government has indicated a willingness to join with the international community in pushing Assad to give up his chemical weapons and the Assad regime has now admitted that it has these weapons, and even said they'd join the Chemical Weapons Convention, which prohibits their use.

It's too early to tell whether this offer will succeed, and any agreement must verify that the Assad regime keeps its commitments. But this initiative has the potential to remove the threat of chemical weapons without the use of force.

That's why I've asked the leaders of Congress to postpone a vote to authorize the use of force while we pursue this diplomatic path. I'm sending Secretary of State John Kerry to meet his Russian counterpart on Thursday, and I will continue my own discussions with President Putin. At the same time, we'll work with two of our closest allies -- France and the United Kingdom -- to put forward a resolution at the U.N. Security Council requiring Assad to give up his chemical weapons, and to ultimately destroy them under international control.

Meanwhile, I've ordered our military to maintain their current posture to keep the pressure on Assad, and to be in a position to respond if diplomacy fails. And tonight, I give thanks again to our military and their families for their incredible strength and sacrifices.

As we continue this debate -- in Washington, and across the country -- I need your help to make sure that everyone understands the factors at play.

Please share this message with others to make sure they know where I stand, and how they can stay up to date on this situation. Anyone can find the latest information about the situation in Syria, including video of tonight's address, here:

http://www.whitehouse.gov/issues/foreign-policy/syria

Thank you,

President Barack Obama



Nessun commento: