Vivere per la proposta di legge Eutanasia Legale

Libertà sessuale, libera sessualità- 1976 - Adele Faccio

I colori di Emma BONINO. Una DONNA Istituzionale e oltre....

Alba Montori su Facebook

lunedì 30 settembre 2013

Al Presidente del CIO: lesbiche, gay, bisessuali e trans sono protetti dal Principio 6?


 E' SCANDALOSO:
 Il Comitato Olimpico ha appena dichiarato di non credere che la Russia sta violando la Carta olimpica - anche se i russi stanno esibendosi in arresti anti-gay, attacchi violenti, e discriminazioni.

  Le nazioni ospitanti i Giochi Olimpici sono tenute ad obbedire a sette principi e Principio 6 dice che non sono permesse discriminazioni di alcun genere. Ma il Comitato Olimpico si sta comportando come se lesbiche, gay, bisessuali e trans semplicemente non contassero.

L'uguaglianza non funziona così, quindi la loro posizione deve essere chiara.

Ci si possono concedere un paio di minuti per inviare  al nuovo presidente del Comitato olimpico Thomas Bach una breve e-mail e chiedergli se lesbiche, gay, bisessuali e trans sono protetti dal Principio 6?

Clicca per iniziare:
https://www.allout.org/email-olympics-pres

Il Principio 6 dice: "Ogni forma di discriminazione nei confronti di un paese o di una persona per motivi di razza, religione, politica, sesso o altro è incompatibile con l'appartenenza al Movimento Olimpico."

Se il Comitato Olimpico darà alla Russia la possibilità di sorvolare sulla discriminazione contro milioni di propri cittadini, esso diventerà per il Presidente Putin uno scudo contro la pressione globale che sta montando per spingerlo ad abrogare una  legge che produce danno. E rende anche più facile per lui ignorare la brutale ondata di violenza anti-gay in Russia. Ecco perché abbiamo bisogno della pressione su di loro in questo momento.

Il Comitato Olimpico è responsabile di frontea noi -  spettatori,  atleti, e  clienti dei loro sponsor per  miliardi di dollari.

Se inviamo subito migliaia di e-mail al nuovo  Presidente Olimpico Thomas Bach, lo possiamo mettere sull'avviso..

E se egli non risponderà alla nostra richiesta, milioni di noi potrebbero anche dirigere la lotta sugli sponsor aziendali, costringendoli a un passo dentro

Invia una e-mail direttamente al Comitato Olimpico attraverso il sito AllOut:
https://www.allout.org/email-olympics-pres

Insieme, ci siamo riuniti in 33 città in tutto il mondo per denunciare e contrastare sui principali quotidiani mondiali il giro di vite anti-gay della Russia  - e ha portato il primo ministro britannico a sollevare la questione personalmente con il Presidente russo Putin in una delle più importanti riunioni dei leader mondiali di quest'anno.

In questo momento il Presidente Putin appare protetto dal Comitato Olimpico perché questo sembra ritenere che lesbiche, gay, bisessuali e trans non contano.

Possiamo pretendere su questo una risposta subito dal Comitato ?
https://www.allout.org/email-olympics-pres

Grazie per andando tutti fuori.

Andre, Hayley, Jeremy, Marie, Sabelo, Sara, Simone, Wesley e il resto della squadra All Out.

PS Camerun aggiornamento: Oltre 65.000 Tutti i membri Out hanno firmato una petizione che chiede al Presidente del Camerun ad accettare nuove raccomandazioni delle Nazioni Unite per proteggere tutte le persone nel suo paese, non importa chi sono o chi amano. Gli stiamo inviando ogni firma dicendogli di fermare l'omicidio, l'arresto e la grave discriminazione subita da lesbiche, gay, bi e trans - ma non è troppo tardi per unirsi a oggi. Iscriviti ora: https://www.allout.org/cameroon-attacks


FONTE:

CIO: Nessun motivo per contestare la legge anti-gay russo nell'approccio alle Olimpiadi di Sochi

Riguardo alle Olimpiadi è stato appena detto che il giro di vite anti-gay della Russia per loro va  bene .

Clicca qui per chiedere al presidente delle Olimpiadi  Thomas Bach: La gente lesbica, gay, bisessuale e trans fa parte dei principi olimpici?


1 commento:

AMg ha detto...

In traduzione italiana il testo della lettera indirizzata al Presidente del CIO

Presidente Bach,

Il Principio 6 della Carta Olimpica, dice che la discriminazione non appartiene al movimento olimpico. Ma, i Giochi Olimpici di Sochi stanno per svolgersi tra pochi mesi e le lesbiche, gay, bi e trans in Russia sono stati violentemente aggrediti, arrestati, ed esclusi.

Chiedo a voi di confermare pubblicamente che lesbiche, gay, bisessuali e trans sono compresi nel Principio 6. E 'il momento di prendere una posizione, e, infine, affermare che lo sport è davvero per tutti - senza eccezioni.